dolores

Era sempre così, lì nel gelo e nella solitudine del Regno dei Cieli, da qualche parte ai confini del cosmo.
Moriva qualcuno sulla Terra, qualcuno di famoso, di particolarmente importante, e gli arrivavano queste ondate di disperazione, di impotenza, ma soprattutto di rabbia, tanta rabbia.
Gli facevano male.
Ne sentiva la consistenza, lo colpivano quasi fossero solide, mentre osservava il Creato dalla terrazza che sovrastava ogni cosa.

Davano la colpa a lui, sempre a lui.
Dicevano che si prendeva sempre quelli migliori, in maniera del tutto arbitraria, prima loro e poi gli altri, come se fosse una specie di folle tiranno privo di emozioni che si accanisce contro le sue stesse creature.
Quanto gli facevano male.
Quante cose che ancora non sapevano.
E quanto li amava ancora, nonostante tutta quell’ignoranza, quell’odio, quell’indole distruttrice.
Ricominciò a piangere.
Fatemi morire, pensò. Non sono più in grado di sopportare tutto questo.

Stava arrivando una giovane donna dal nome spagnolo, dalla voce d’angelo e con l’Irlanda negli occhi.
Non poteva abolire la morte, non era certo “onnipotente” come lo definivano, e il pianeta sarebbe andato al collasso in breve tempo. Ma forse avrebbe potuto e dovuto fare qualcosa, qualunque cosa, per renderla più sopportabile.
Pensò di farle un regalo.
Scese giù nei Giardini, camminò per un po’ e si fermò davanti ad un cedro. Mise le mani attorno al tronco e lo abbracciò.
L’albero scomparve, per tramutarsi in qualcos’altro.

Entrò nella sala ricevimento, buia, costellata di colonne e di candele. La donna era già lì, si stava guardando attorno, spaesata come milioni e milioni di altre persone prima di lei.
C’era nel suo fisico minuto tanta fragilità, ma quegli occhi erano ancora pieni di vita, di forza, di voglia di vivere.
E’ successo un’altra volta troppo presto, pensò Dio. Maledizione.
Per un fuggevole momento pensò che si sarebbe potuto persino innamorare di lei.
Scosse la testa e fece uscire quel pensiero. Non poteva, non poteva permetterselo.

La donna ora lo stava fissando.
Dio la abbracciò.
L’intera stanza si riempì di luce bianca. La donna si sentì libera, leggera, in perfetta comunione mentale con ogni più piccola particella dell’universo.
Una lacrima le cadde sulla spalla.

Si sciolsero dall’abbraccio.
“Ho una cosa per te”, disse Dio.
Andò in uno stanzino sul retro, per tornare con il suo regalo.
Il volto della donna si illuminò di un sorriso meraviglioso, mentre lei prendeva tra le mani la sua nuova chitarra.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.